Tuesday, 12 April 2011

Cambio d'occhio

Grr misto sigh.

Molti di voi portano gli occhiali da una vita. Io no. Li porterò nella vita da qui alla morte. Uh, ti lamenti chettilamenti, dice. Dice bene, lui che porta gli occhiali da una vita. Io no. Li porto da adesso. Li porto ovviamente senza la dovuta flemma, senza la dovuta esperienza, senza capire bene come sia successo. Cioè, mi dissero che avevo un curioso caso di cataratta precoce a un occhio. Mi chiesero se mi ero sottoposto a radiazioni nucleari. Il che non è. Mi dissero che allora è congenita, per caso qualche suo parente in giovane età ecc ecc il che non è. Comunque mi dissero non si preoccupi. E' un'operazione facile facile che le spariamo un laser nell'occhio. Nooo, non è mica detto che serve cambiare il cristallino. Guardi ci mettiamo cinque minuti.
Cinque minuti e un cristallino artificiale dopo, ancora non mi avevano informato di un dettaglio mica male: che il cristallino artificiale comporta quasi sempre l'arrivo della presbiopia. Che io credevo fosse una cosa religiosa. E invece vuol dire che non ci vedi più bene da vicino, ma nemmeno dalla media distanza, a dirla tutta, nel mio caso. E allora occhiali, come appunto mi dissero candidamente solo un mese dopo l'operazione. Vero che io non assillo di domande la gente, soprattutto quella di cui non mi fido particolarmente, tra cui capita ci siano anche molti medici. Vero. Però dai.
E mi consigliarono pure le lenti progressive. Che sono complicate, appunto, come un album di musica progressive. Ma molto meno piacevoli. Infatti la faccia nella foto soprastante non vuole comunicare intensità, ma proprio incazzatura, l'incazzatura di uno che si trova solo in mezzo alla brughiera delle fabbriche e dei centri commerciali con un paio di occhiali che lo perplimono assai e un tram che passa appena tra 19 minuti e la sensazione che sì, effettivamente si è veramente deperibili e mortali.
Ti lamenti, chettilamenti, dice. E ha ragione. Ho passato un bel po' di tempo (forse metà della vita, forse più, forse meno) senza occhiali. E con l'occhio sano ci vedo ancora bene. E con quello cataratto, d'altro canto, prima o poi ci avrei visto sempre peggio. Stagione nuova, occhio nuovo. E via.
Domani festeggio i miei primi novanta chili.

8 comments:

Anonymous said...

Così rischi di attirarti un "altri 90 di questi chili!" però, eh... Invece tanti auguri tanti. E pigghia lu bastone e tira fora li denti, B.
Se lo pigghi tu, lo pigghio anch'io.
S

Lorenzo said...
This comment has been removed by the author.
ilmatto said...

Altri novanta di questi chili!
(il commento prima, prima di essere cancellato, era il mio, ed era uguale, solo che non era riconoscibile)

Anonymous said...

Ma se stai benissimo, con gli occhiali! :)

Quelli della nostra razza li portano sempre. Avresti dovuto portarli anche quando non ne avevi bisogno :)

R.

B. said...

grazie! sì, esteticamente sono molto contento di avere gli occhiali. Mi sembra di averli avuti "dentro" da sempre. Fuori sono un po' più comodi.
R. ,quale razza? lettori? giocatori? cecati?

M said...

Presente!! Ho 23 anni e porto gli occhiali da 18.
Ultimamente mi stanno veramente rompendo le palls e pensavo di passare alle lenti a contatto...

Magiustra said...

"R." lo puoi leggere come "Magiustra", Babichan. Quando parlo di "nostra razza", intendo la "nostra razza" :)

R.

Caterina said...

Ciao!
Visto che dall'altro occhio ci vedi bene, potresti usare un monocolo per quello danneggiato: perchè sprecare due lenti, quando potresti essere molto steampunk? D: Magari, inventi pure una nuova moda e tutti vorranno imitarti, così conquisterai il Mondo! :D