Monday, 25 August 2008

Incontri con animali straordinari

Incontrare un bel po' di persone eccezionali sparse per l'entroterra siculo richiede una certa mobilità. Ma poi, verso sera, si torna a casa. E il senso di casa viene amplificato, se non impersonato, dagli animali della casa. Fate ciao ciao al pedigree. Qui la bellezza e d'altro ordine. La magia degli animali selvaggi che pure solidarizzano tra loro: cani, gatti, umani.
(Foto lo-fi per animali hi-fi).

Fatina. Due mesi e mezzo. Gatto pappagallo, nella misura in cui ti sale sulla spalla. E a quel punto tu diventi trespolo. Guai a muoversi, o partono le prove tecniche di unghie.

Fatina esamina le zucche stese al sole a seccarsi. Non perché i siculi mangino zucche secche. Anzi, al limite è la mensa di Cernusco sul Naviglio ad essere animata da chef che ritengono le zucche secche commestibili. No. Le zucche secche si impiegano per fini decorativi. O, e l'esperimento ivi presente lo testimonia, per fare delle spugnette per peelarsi la schiena (opportunamente tagliate a fette). Un bel dì sapremo se è solo new age o se funziona (una zucchina non è esattamente una luffa...)

Pan, dio dei boschi e cane volante. Interagisce con il gatto pappagallo solo quando il pappagallo, pardon, il gatto, si pone sul trespolo umano. A quel punto salta. Se l'umano fosse Karim Abdul-Jabbar, non farebbe differenza. Pan salterebbe più in alto, con la giocosa intenzione di staccare la testa con un morso a Fatina.

Non è tanto come vola, Pan. E' come atterra, il momento bizzarro.

Amichevolezza. Ram, cucciolo smarrito nell'immensità, sta mogio mogio mentre Fatina lo consola. Mai fidarsi delle feline apparenze, però: Fatina faceva la pipì dove non doveva e spariva, incidentalmente proprio quando Ram era nelle vicinanze. Così Ram si prendeva le mazzate, e Fatina le coccole. Ram è il tipico cane dolce, emotivo e un po' babbo che paga per tutti. Il cane espiatorio.

Non hai scampo, umano.

"Minghia".

5 comments:

VeryWendy said...

Mi sono sentita a casa. Quella siracusana.

Falino said...

Angh'io ho un gatto pappagatto, ops, pappagallo (giuro che mi sono sbagliato davvero).
Sì, di solito il trespolo sono io.

K. Falino

B. said...

Wendy: dati statistici mi fanno supporre che qualche strana corrente geomantica renda i triestini sorprendentemente di casa in Sicilia. Faremo studi ulteriori!

Falino: Anche il tuo scala tutto il corpo per raggiungere la spalla? Forse era un dato saliente che non dovevo omettere.

VeryWendy said...

Sì,anch'io mi sento di approfondire

Falino K said...

Be', sì, ne ho una che mi scalava tutto per raggiungere le spalle ma adesso è grande. Quelli piccoli che ho adesso però se me li metto io sulle spalle fanno i pappagatti alla grande :-|